New feature: female translation - MUST READ.
Project Translated Words Review Checks Suggestions
Ascension
91.9% 78.5% 1.4% 5 1 Translate

- Approved
- Good
- Failing checks
- Needs editing

When User Action Detail Object
2 weeks ago None Committed changes Infinity Engine/Ascension - Italian
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Aerie e <CHARNAME> diventeranno inseparabili, le loro carriere di avventurieri lasceranno il posto alle cure di un figlio e, alla fine, anche di una figlia. E tuttavia nei loro ultimi anni intraprenderanno un ultimo grande viaggio, spinti dal fatto che Aerie non è ancora riuscita a superare lo sconforto dovuto al tempo in cui fu costretta in schiavitù e alla perdita delle sue ali. Aerie e <CHARNAME> andranno pertanto alla ricerca degli Avariel di Faenya-Dail, gli elfi alati a cui Aerie fu sottratta lungo tempo addietro. Non solo troveranno il suo popolo, ma anche i suoi affettuosi genitori che avevano trascorso anni e anni nell'affannosa ricerca della loro bimba sperduta. Senza più ombre di mistero o confusione ad oscurare la loro vita, proprio in quel luogo, tra le nuvole, Aerie e <CHARNAME> infine si sposeranno. La loro unione, così si racconta, è stata benedetta dalle apparizioni di Aerdrie Faenya e Baervan Wildwanderer.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Spinta ad opporsi alla schiavitù in tutte le sue forme, Aerie ha continuato ad avventurarsi dopo aver lasciato il fianco di <CHARNAME>. Ha compiuto diversi tentativi di riunire una compagnia più ampia intorno a lei, come aveva fatto <CHARNAME>, ma ogni volta la compagnia si è sciolta a causa di lotte intestine e tradimenti. La compassione di Aerie è stata macchiata dal suo bisogno di vendetta e lei non poteva né comandare né ispirare la lealtà negli altri. Si sarebbe potuta perdere completamente, se non fosse inciampata in un gruppo di schiavi avariel a Cormyr. Al loro rilascio, hanno guidato Aerie di nuovo a Faenya-Dail, la casa da cui era stata rapita. Ha imparato molto durante la sua permanenza e ha capito che non era più una vera necessità, accettando finalmente la perdita delle sue ali. Aerie divenne infine un'alta sacerdotessa in Understone, un villaggio gnomico di cui il suo mentore, Quayle, aveva spesso parlato. Era stato la sua vera famiglia, ed è stato tra la sua gente che finalmente ha trovato la pace.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Quindi, mia ingrata sorella, alla fine stai al mio fianco. Parleremo della tua slealtà in seguito. Quanto a te, <CHARNAME>, Melissan mi ha concesso il potere di strappare la tua essenza divina dal tuo corpo. La prima cosa che proverò in un eone sarà il piacere di vedere il tuo corpo trasformarsi in polvere.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Dopo essere ritornato ad Amkethran, Balthazar iniziò a portare cambiamenti per il meglio. Aveva ben imparato dal suo amico e fratello il significato della parola "Bontà". Portò sempre con sé le sue colpe; un ricordo per non ricommettere mai più gli stessi errori. Ciò che ancora rimaneva di criminale fu velocemente estirpato dall'avamposto, il quale attrasse nuovi coloni e mercanti. Con gli anni, Amkethran divenne una città fiorente e il centro culturale dell'intera regione, nota per la sua pace e per la sua compassione verso i poveri. Balthazar fu anche di centrale importanza nella creazione delle Guardia Monastica, un gruppo di paladini e di monaci d'elite che giurò di proteggere il popolo da qualsiasi forma di tirannia. Le sue azioni gli fecero presto guadagnare il rispetto e la fiducia della sua gente. In età avanzata, il suo lavoro finì e si dice che fu spesso trovato ad ammirare il cielo ricordando <CHARNAME>. In seguito, Balthazar lasciò Amkethran per sempre per un pellegrinaggio a Candlekeep… per ringraziarlo un'ultima volta per la pace che aveva trovato e per vedere le umili origini di una leggenda.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Dopo essersi separato da <CHARNAME>, Valygar continuò le sue avventure per diversi anni, viaggiando nelle selvagge terre a nord di Faerûn e diventando un volto comune nella zona di Waterdeep. In seguito, fu felice di tornare finalmente ad Athkatla e di ritirarsi a una vita tranquilla e contemplativa nella tenuta di famiglia che aveva sempre desiderato. Pressato dagli ammiratori nella nobiltà locale, assunse la carica di Capo Ispettore, una responsabilità che non aveva mai desiderato ma che assunse nel desiderio di combattere la crescente corruzione in città. Per molti anni, Valygar fu il nome maledetto da ogni criminale o schiavista che osasse mettere piede in città. Valygar fu impavido, trasformando le guarnigioni della città in una forza che persino il ladro più sicuro di sé fu costretto a rispettare. Valygar e i Ladri dell’Ombra si scontrarono molte volte, raggiungendo infine una condizione di reciproco rispetto... sebbene molti considerassero il ranger il vero vincitore. Sorprendendo persino se stesso, Valygar ripristinò il buon nome dei Corthala ad Athkatla e si sposò. Il suo unico figlio, l'orgoglio della sua vita, prese a cuore le lezioni del padre. Valygar lo avrebbe visto crescere e diventare il capo degli Stregoni Incappuciati nonché il suo più grande agente di riforme; per una volta nella sua vita, Valygar avrebbe provato orgoglio. Ricordando l'uomo che un tempo era stato, scappato nelle più fitte foreste dell'Amn per il suo retaggio, il ranger fu grato a <CHARNAME> e augurò ogni bene al suo vecchio amico.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
E che ne è stato di Imoen, l'eterna bambina? Ne aveva passate tante durante i suoi viaggi con <CHARNAME>, cose di cui in seguito si sarebbe rifiutata di parlare, ma il suo spirito non venne mai meno. Si separò dai suoi compagni per cercare il proprio destino, fuori dall'ombra di suo fratello. Per un breve periodo ritornò a Candlekeep, dove la sua formidabile abilità nella magia le permise di apprezzare i tomi della biblioteca molto più che in passato. Qui poté ricordare i tempi spensierati con <CHARNAME> e Gorion e si sentì felice di avere seguito le orme del suo padre adottivo. Sebbene le avessero chiesto di rimanere, alla fine Imoen decise che Candlekeep era molto più piccola di come la ricordava e la lasciò per proseguire le sue avventure per i Reami.
Sono tante le storie sull'arcimaga che Imoen divenne. Nel corso della sua vita assunse molti nomi, alcuni misteriosi e profetici, altri bizzarri e ironici, considerato il potere che questa grande donna possedeva. Chiunque avesse conosciuto Imoen nella sua giovinezza l'avrebbe comunque riconosciuta subito a prescindere dal nome... Né il tempo né la saggezza avrebbero potuto mascherare lo scintillio malizioso nei suoi occhi o il pronto sorriso nel salutare un amico. Diventò la confidente di Khelben "Bastone Nero" Arunson e fu spesso associata ad una storia riguardante il grande Elminster, presumibilmente borseggiando le tasche del saggio e poi conducendolo in un'allegra caccia magica per Faerûn per quattro mesi. L'esatta verità della storia è sconosciuta... ma sarebbe proprio da Imoen l'incoraggiare un vecchio strambo a non fare tanto il difficile e la sua successiva amicizia con Elminster è ben documentata. Altre storie raccontano che Imoen fondò una gilda di ladri che operava su tutte le vie per Neverwinter, bisticciando con i Ladri delle Ombre e con gli Zhentarim, e che addirittura combatté da sola contro un drago perché (così dice la storia) "era stato scortese". A volte, Imoen fu scorta a ripensare al suo vecchio amico, <CHARNAME>, e a sorridere tristemente... e subito dopo cadere in preda di un pensiero maliziosamente divertente che l'avrebbe spinta verso il suo prossimo progetto. Sembra che certe persone, fortunatamente, non cambino mai.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
.
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Anomen e <CHARNAME> continuarono le loro avventure sino ad essere conosciuti come eroi quasi ovunque andassero. Molti furono i racconti del Cavaliere Senza Macchia e Senza Paura e della sua assoluta devozione per la sua grande signora. Il passato di <CHARNAME> quale terribile progenie di Bhaal fu dimenticato per sempre quando nuove imprese sostituirono le vecchie e quando prese forma una nuova eredità che superò di gran lunga la fama del suo sangue divino. Le loro carriere furono così prolifiche che la data del loro matrimonio fu continuamente posticipata a causa di un’imminente crisi o di qualche vantaggiosa avventura che l'uno o l'altra insisteva nell’intraprendere. Finalmente, si avvicinò una data che sia <CHARNAME> sia il suo amato erano decisi a mantenere; il tanto sospirato evento attirò eroi e dignitari da tutto Faerûn. La coppia aveva toccato la vita di molti e centinaia di persone vennero per vedere lo stesso Elminster unire i due in una delle più maestose cerimonie che la città di Baldur's Gate avesse mai visto. Anomen e <CHARNAME> si ritirarono a vita privata poco dopo la celebrata nascita della loro figlia ma, se le storie sono vere, le loro avventure non terminarono mai veramente. Anomen avanzò nella gerarchia della sua chiesa e <CHARNAME> continuò ad essere al centro di strani eventi per tutta la sua vita. La loro figlia, allevata da due dei più grandi eroi dei Reami, forgiò una leggenda capace di rivaleggiare con quella della madre. Questa però è un'altra storia...
2 weeks ago Davide Rossini New translation Infinity Engine/Ascension - Italian
Aerie e <CHARNAME> si rivelarono inseparabili, continuando le loro avventure per molti anni. L’entusiasmo di Aerie per il viaggio portò la coppia per tutto Faerûn e anche oltre. Il loro giovane figlio fu sempre al loro seguito, facendo sorridere <CHARNAME> con i suoi grandi occhi spalancati davanti alle meraviglie del mondo. Alla fine, la coppia si sistemò in seguito alla nascita di una bellissima figlia che fu la seconda gioia delle loro vite. Solo di rado <CHARNAME> ed Aerie si scomodarono per scontrarsi con il male del mondo, sebbene le storie delle loro battaglie divennero leggendarie. Gli anni successivi portarono un ultimo e grande viaggio, dato che Aerie provava ancora tristezza per il tempo passato come schiava e per la perdita delle sue ali. Insieme, lei e <CHARNAME> cercarono gli Avariel di Faenya-Dail, gli elfi alati dai quali era stata strappata molto tempo prima. Trovarono non solo il suo popolo, ma anche amorevoli genitori che avevano trascorso anni a cercare la loro figlia scomparsa. Aerie aveva finalmente trovato la sua famiglia. Senza più mistero o confusione che annebbiassero le loro vite, fu lì, tra le nuvole, che Aerie e <CHARNAME> finalmente si sposarono. La loro unione, si dice, fu benedetta dalla presenza di Aerdrie Faenya e Baervan Wildwanderer. Quanto a i figli di <CHARNAME> e di Aerie, allevati da due delle persone più potenti dei Reami, il loro destino forgiò una leggenda capace di competere con quella del padre...
Browse all language changes

Activity in last 30 days

Activity in last year